Risolvere un problema significa affidarsi a un metodo e a strumenti adeguati. Ecco di seguito 5 suggerimenti per affrontare e risolvere i problemi che si presentano..

Definisci il problema da risolvere

pronlem solving

Il primo passo è comprendere appieno i dettagli del problema da risolvere. E soprattutto per non confondere il problema con le cause. È necessario quindi guardare in faccia il problema per comprenderne appieno le dimensioni e per raccogliere quante più informazioni possibili che facilitino la ricerca delle cause. A seconda della sua portata è consigliabile coinvolgere collaboratori di diversi reparti per ampliare la prospettiva.

Scrivi il problema nero su bianco

Scrivere ti permette di mettere le cose in prospettiva e stimolare altre parti del tuo cervello. Come gruppo, è meglio usare una lavagna per scrivere il problema. Così, quando si cercano cause e poi soluzioni, non si perde di vista la questione centrale. Rimane al centro delle riflessioni.

Identifica le cause

Ecco un passaggio fondamentale, la ricerca delle cause impattanti. Un punto importante è separare la ricerca dalla selezione. Per prima cosa occorre essere esaustivi elencando tutte le possibili cause che influiscono sul problema. Successivamente il secondo passo sarà più analitico, e mira ad individuare quelli che hanno un peso sufficientemente significativo per essere elaborati. Come sempre, il diavolo è nei dettagli. A prima vista, l’origine del problema può sembrare ovvia. Tuttavia… dobbiamo sempre stare attenti all’ovvio.

  • Per la ricerca, non bisognerà trascurare nulla. Ancora una volta, una causa apparentemente innocua può benissimo svolgere un ruolo centrale nel problema da affrontare.
  • Per la selezione, valuta e classifica ciascuna opzione. Il diagramma di Ishikawa è uno degli strumenti ideali per questo compito.

Trovare una soluzione

Come nel precedente, questo passaggio è suddiviso in 2 fasi: ricerca e selezione utilizzando strumenti come il brainstorming, e poi utilizzando metodi di supporto alle decisioni, come la matrice decisionale .

La scelta della soluzione tiene conto di vari criteri quali:

  • la facilità e velocità di attuazione,
  • il costo,
  • le competenze da mobilitare,
  • i rischi di effetti collaterali.

Alla fine,  non sarà necessariamente quello che avrà il maggior impatto a essere scelto . A volte è meglio mantenere una serie di soluzioni secondarie facili e veloci da implementare piuttosto che una singola, che ha sicuramente un forte impatto, ma è ingombrante e costosa da implementare. In alcuni casi, la decisione può essere convalidata da un test. La sperimentazione è sempre un ottimo modo per verificare l’efficacia di una decisione.

Azioni di lancio: implementare la soluzione scelta

Una volta fatta la scelta, è tempo di agire. Tutto inizia fissando obiettivi per garantire l’efficacia delle azioni. Occorre però fare estrema attenzione a tenere conto dei fenomeni di resistenza al cambiamento .

Monitorare l’efficacia della soluzione e la sua attuazione

Prima di passare alle azioni è necessario un monitoraggio preciso attraverso una dashboard . Fare attenzione a non confondere l’efficacia delle azioni rispetto agli obiettivi loro assegnati – e che ne garantiscono la corretta attuazione –  con l’efficacia della soluzione nella risoluzione del problema iniziale . Nel primo caso, stai valutando l’implementazione di una soluzione; nel secondo, la rilevanza della sua scelta per risolvere il problema. Ecco alcuni punti da considerare.

  1. Non affrettare la fase dell’azione a favore della ricerca di una soluzione. Analizzare un problema è un prerequisito essenziale prima di tentare di risolverlo. Infatti, senza un minimo di comprensione, il rischio è quello di mettere una benda su una ferita prima di vederla riaprirsi. Il che equivale a non curare la causa, ma gli effetti, e quindi vedere poi ricomparire il problema.
  2. Attenzione alle scorciatoie. Agire è positivo, ma ovviamente è meglio svolgere un’azione coerente ed efficace.
  3. In caso di problemi multipli, concentrati prima sulla risoluzione di quelli più semplici prima di affrontare quelli più complessi. È mentalmente più comodo e motivante iniziare con il più facile. Soprattutto se lavori in squadra. Il gruppo ha bisogno di sentirsi sicuro e un po’ riscaldato prima di affrontare questioni più complicate.

Un consiglio: diversificare i profili (diversi orizzonti, professioni, funzioni, posizione gerarchica, ecc.) che compongono il gruppo di lavoro per mantenere una certa apertura mentale all’interno del gruppo.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.